Politica

«Aumentano i servizi, le tasse no»

Polemica a Sestri Levante, in clima elettorale, sull’ultimo «atto Ghio». Domani conto consuntivo in consiglio comunale

«Aumentano i servizi, le tasse no»
Politica Sestri - Val Petronio, 29 Aprile 2018 ore 11:53

Il bilancio del comune di Sestri Levante è sano ed ha i conti in ordine. A sostenerlo è la stessa amministrazione comunale che risponde alle osservazioni fatte qualche settimana fa dal candidato sindaco Gian Paolo Benedetti.

Polemica sul bilancio

Il nuovo candidato aveva attaccato l’amministrazione per la cattiva gestione dei conti del comune affermando: «La situazione del bilancio comunale non è proprio rosea». L’amministrazione non ci sta e sottolinea come Sestri Levante sia un comune virtuoso, che rispetta tutti gli obiettivi di finanza pubblica.

Domani, lunedì 30 aprile, nel consiglio comunale, si discuterà il conto consuntivo del 2017. Si tratta dell’ultimo atto del mandato amministrativo 2013-2018. Il vicesindaco e assessore al bilancio Pietro Gianelli (nella foto) illustrerà come in questi cinque anni l’indebitamento si sia ridotto, arrivando ad un -17%. Anche la spesa corrente ha subito una buona riduzione attestata al -12%. A fine 2017 l’avanzo di amministrazione è di oltre 2,4 milioni di euro e l’indebitamente del comune negli ultimi anni ha subito una riduzione. Per l’amministrazione dunque i conti sono in ordine, questo gli ha permesso di pagare negli ultimi anni i suoi fornitori con tempi certi: secondo la stima dell’amministrazione comunale i fornitori che hanno operato con la pubblica amministrazione in media sono stati pagati entro 33 giorni.

Durante la discussione in consiglio comunale dunque si prevede un confronto duro tra minoranza ed amministrazione che hanno visioni opposte sulla questione. «La situazione del conto consuntivo 2017, certificato dai revisori, è chiara e trasparente. A dimostrarlo sono i numeri, basta saperli leggere e conoscere le basi dei bilanci di un comune. In questi cinque anni abbiamo lavorato per un bilancio sano, con conti in ordine, con un comune che è un pagatore certo e rapido. Un bilancio che dimostra che si possono fare più investimenti e meno spese, senza chiedere un euro di tasse in più ai cittadini ma provando anzi a diminuirle» commenta il vicesindaco Gianelli.