Bagnasco: «Fontanabuona – Rapallo, un traforo che non ha colore»

Interrogazione alla Camera da parte dei due deputati Roberto Bagnasco e Roberto Cassinelli

Bagnasco: «Fontanabuona – Rapallo, un traforo che non ha colore»
Rapallo - Santa Margherita, 23 Novembre 2018 ore 16:04

Il deputato di Forza Italia, ben noto politico rapallese, ha presentato oggi un’interrogazione alla Camera e diretta al Ministro Toninelli, a sostegno dell’eternamente agognato tunnel della Fontanabuona.

Bagnasco, l’interpellanza sul traforo fra Rapallo e la Fontanabuona

«Il Traforo Fontanabuona – Rapallo è una richiesta storica del territorio Ligure. È una zona fortemente produttiva ma in crescente isolamento infrastrutturale per la mancanza di un raccordo autostradale per raggiungere l’autostrada A12, con svincolo e casello. Versa in una condizione economica difficile, ma è l’unica area con importanti spazi nel Levante Ligure. Oltre alle aziende già impiantate e a quelle che si sono spostate negli anni, il traforo permetterebbe alle imprese con grandi capannoni, che sulla costa hanno problemi di spazio, di stabilizzarsi in un territorio naturalmente adatto. Il Traforo non coinvolgerebbe solo i 15 comuni che si sono uniti per richiedere l’infrastruttura, ma una realtà di oltre 200mila persone. Quando si parla di grandi opere, spesso ci si trova davanti a difficoltà che vanno oltre al problema economico, che è la divisione tra i territori. Questo è un caso diverso perché vi è unità d’intenti tra i Comuni».

Così il deputato di Forza Italia, Roberto Bagnasco, commentando un’interrogazione presentata oggi alla Camera e firmata anche dal collega Roberto Cassinelli. «Al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti abbiamo pertanto chiesto quali iniziative, per quanto di competenza, intenda adottare al fine di garantire il finanziamento per la realizzazione dell’opera infrastrutturale, partendo dal presupposto che la Val Fontanabuona è una delle principali valli della città metropolitana di Genova di cui fanno parte i comuni di Carasco, Cicagna, Cogorno, Coreglia Ligure, Favale di Malvaro, Leivi, Lorsica, Lumarzo, Moconesi, Neirone, Orero, San Colombano Certenoli e Tribogna, tutti i Comuni del Levante ligure che dalla costa all’area montana potranno beneficiare dell’opera, alla luce di quanto esposto. Confidiamo pertanto in una pronta e positiva risposta del Ministro Toninelli perché, questa volta, non ci sono giustificazioni per continuare a bloccare lo sviluppo della nostra Liguria» – ha concluso Bagnasco.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità