Bilancio di Sestri: le tasse non sono aumentate

Ultimo atto della giunta Ghio

Bilancio di Sestri: le tasse non sono aumentate
Sestri - Val Petronio, 23 Aprile 2018 ore 14:00

Il Conto Consuntivo è l’ultimo atto del Mandato Amministrativo 2013-2018 e verrà discusso nel Consiglio
Comunale del 30 aprile.

Bilancio di Sestri: le tasse non sono aumentate

Il documento conferma l’azione di tutto il Mandato, che consente a Sestri Levante di essere un Comune  virtuoso, che rispetta tutti gli obiettivi di finanza pubblica, passando attraverso una riduzione delle spese correnti e delle spese di rappresentanza, ma anche la totale assenza di debiti fuori bilancio e il pieno rispetto di tutti i parametri previsti dalla Legge.
Confermate le due le principali direzioni di lavoro, che riguardano la stabilità degli investimenti (oltre 20milioni di euro in quattro anni in lavori per il territorio) e la riduzione dell’indebitamento (- 17%) e della spesa corrente (- 12%).
I residui hanno rappresentato un altro grande ambito di lavoro: i residui attivi, cioè la differenza annua tra quanto il Comune prevedeva di incassare e quanto realmente entrava tra trasferimenti nazionali e regionali, tasse e altre entrate, sono stati ridotti del 50%: sono stati acquisiti 6,9 milioni di euro, passando dai 13,7 da recuperare del dicembre 2013 ai 6,8 di marzo 2018.

Una riduzione ancora più forte, circa l’80%, sui residui passivi, cioè la differenza a fine anno a carico del Comune tra gli impegnidi spesa e i pagamenti realmente effettuati: se nel dicembre 2013 i pagamenti da completare erano pari
a 19,9 milioni di euro, ora sono scesi a 3,7 milioni. Un risultato che ha consentito di rendere i dati di bilancio del Comune ancora più corretti e trasparenti, confermando la certezza dei pagamenti dell’ente e l’equilibrio dei conti pubblici.
Il Comune conclude la gestione finanziaria 2017 con un avanzo di amministrazione di oltre 2,4 milioni di euro, che vanno a coprire le spese per accantonamenti e somme vincolate: una scelta nel segno dell’equilibrio e della programmazione efficiente. Nel complesso cresce il fondo cassa (da 1,4 milioni a 1,7 milioni), si riducono ancora di 500mila euro le spese correnti (da 21,1 milioni euro a 20,6) e anche la spesa per il personale che si attesta a 5,9 milioni di euro, rispetto ai 6,7 del 2013.
Continua anche la riduzione dell’indebitamento generale del Comune. Nel 2017 l’indebitamento si è ridotto di 864mila euro (-6,2%, -17% dal 2013 a oggi), una situazione che ha consentito il proseguimento degli investimenti: infatti, mentre si riduceva il debito, nel 2017 sono stati effettuati 2,8 milioni di euro di investimenti, un dato in linea con quanto investito negli anni precedenti. Si conferma anche l’invarianza della fiscalità: nel 2017, così come durante tutto il mandato, per garantire i servizi e l’attività comunale non sono state aumentate imposte e tasse, ed è stata attuata una attenta lotta all’evasione fiscale con controlli ed accertamenti.

Commenta il ViceSindaco e Assessore al Bilancio Gianelli: “La situazione del Conto Consuntivo 2017, certificato dai Revisori, è chiara e trasparente. A dimostrarlo sono i numeri, basta saperli leggere e conoscere le basi dei bilanci di un comune. In questi cinque anni abbiamo lavorato per un bilancio sano, con conti in ordine, con un Comune che è un pagatore certo e rapido. Un bilancio che dimostra che si possono fare più investimenti e meno spese, senza chiedere un euro di tasse in più ai cittadini ma provando anzi a diminuirle.”

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità