Politica
Il documento

Caso "Barriere anti-rumore", a Sestri Levante Fratelli d'Italia presenta un'interrogazione

L'iniziativa dei consiglieri Giancarlo Stagnaro e Marco Conti

Caso "Barriere anti-rumore", a Sestri Levante Fratelli d'Italia presenta un'interrogazione
Politica Sestri - Val Petronio, 09 Gennaio 2023 ore 16:49

Caso “Barriere anti-rumore”, a Sestri Levante il gruppo consiliare di Fratelli d’Italia presenta un’interrogazione.

Le dichiarazioni

«Apprendiamo con sconcerto e preoccupazione la notizia del progetto di RFI di realizzare delle barriere acustiche lungo la linea ferroviaria nel territorio chiavarese - affermano i consiglieri Marco Conti e Giancarlo Stagnaro -. La proposta progettuale di RFI non risolve la problematica ma al contempo compie uno sfregio al nostro patrimonio ambientale».

«Tutto nasce dal Decreto ministeriale del 2000 e dallo stato di avanzamento progettuale che prevede interventi per 717 chilometri in tutta Italia e la posa di 416 barriere - afferma Marco Conti, promotore dell’interrogazione insieme al collega Stagnaro -. Lavagna e Sestri Levante sembrano escluse ma vogliamo certezze. Per questo chiediamo alla giunta comunale la conferma che la nostra città sia esclusa dall’ennesimo scempio e se ci sono state interlocuzioni con RFI».

Il testo dell’interrogazione

Oggetto: barriere acustiche ferroviarie

I sottoscritti Consiglieri Comunali Marco Conti e Giancarlo Stagnaro

venuti a conoscenza del progetto di realizzazione di barriere acustiche lungo la linea ferroviaria che attraversa il Comune di Chiavari in modo estremamente impattante;

considerato che tali opere sfregiano ulteriormente il nostro patrimonio ambientale;

interrogano il sindaco e l’assessore competente per sapere:

- se la linea ferroviaria che attraversa il territorio del Comune di Sestri Levante è esclusa dagli interventi previsti dallo stato progettuale di RFI che, tra l’altro, hanno un impatto ambientale devastante;

- se ci sono state interlocuzioni con RFI per scongiurare l’installazione di barriere acustiche che, nell’eventualità fossero realizzate, andrebbero a deturpare il nostro paesaggio.

Seguici sui nostri canali