Cava di Bacezza, Cervini chiede perchè i lavori per la copertura non sono stati mai eseguiti

L'ex consigliere comunale, interviene sulla cava di Bacezza, e chiarisce alcuni punti sulla vicenda delle proroghe: "Su questo caso mai presentato esposti. Levaggi spieghi perchè i lavori per la copertura non sono stati mai eseguiti"

Cava di Bacezza, Cervini chiede perchè i lavori per la copertura non sono stati mai eseguiti
17 Ottobre 2017 ore 11:01

L’ex consigliere comunale, interviene sulla cava di Bacezza, dopo l’indagine della Procura di Genova sulle proroghe.

Cava di Bacezza, sulle ordinanze di proroga Cervini non ha presentato esposto

In seguito all’interrogatorio dell’ex sindaco Roberto Levaggi, la mattina di venerdì 13 ottobre, con il Sostituto Procuratore dott. Walter Cotugno, e all’intervista rilasciata dall’ex sindaco, al Nuovo Levante e agli organi di stampa, Cervini intende chiarire alcuni punti. “Ribadisco ancora una volta di non avere mai presentato alcun esposto alla Procura in merito al “caso proroghe” come erroneamente sostenuto dall’ingegner Levaggi. Sulla sua dichiarazione, inoltre, desidero ricordare che nella mia lunga attività politico-amministrativa non mi era mai capitato di dover ricorrere alla Magistratura per poter svolgere compiutamente il mio dovere istituzionale di Consigliere Comunale”.

Per Cervini, Levaggi deve dire il perchè non è mai stata realizzata la copertura della cava di Bacezza

“Levaggi poi sostiene di aver fatto l’interesse esclusivo del Comune – aggiunge -.  Fermo restando il massimo rispetto per l’indagine in corso, sarebbe interessante ed opportuno che Levaggi spiegasse ora pubblicamente, cosa che non ha mai fatto in Consiglio Comunale, a noi Cittadini Chiavaresi che paghiamo la tassa sui rifiuti, il perché dopo cinque anni non sia ancora stata realizzata la copertura in zona stoccaggio R.S.U. presso la stazione di trasferimento ex Cava di Bacezza”. Cervini, inoltre dice che già il 29 agosto 2012 l’Amministrazione Levaggi approvò l’opera nell’elenco annuale dei lavori pubblici con la motivazione: “Tale intervento è stato richiesto dalla Polizia Provinciale a seguito di sopralluogo e consentirebbe inoltre un risparmio contribuendo ad una notevole riduzione del peso dei rifiuti inviati in discarica in caso di pioggia. L’intervento dell’importo previsto di €.400.000 è finanziato con risorse proprie di bilancio”.

“Copertura della Cava di Bacezza, nulla fu più fatto”

Dell’intervento si persero quindi le tracce. Per Cervini, rimangono quindi tanti dubbi e domande da rivolgere all’ex sindaco. “Nell’anno 2015 l’intervento fu stralciato dall’elenco dei lavori pubblici perché era stato offerto come miglioria dalla Ditta vincitrice dell’appalto milionario della Nettezza Urbana. Ma fino ad ora non si è visto più nulla! In tutti questi anni di mancata realizzazione della copertura è proprio sicuro l’ex Sindaco Levaggi di aver fatto l’interesse esclusivo di noi Cittadini? Non è che la spazzatura bagnandosi abbondantemente aumentava di peso con una conseguente lievitazione dei costi? E tutto ciò a favore di chi? E l’ex Assessore ai Lavori Pubblici e alla Nettezza Urbana, sig. Sandro Garibaldi non ha nulla da spiegare in merito a questo mancato intervento?”

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità