Politica

Cogorno Democratica – Partecip@ttiva: “Viabilità nota dolente”

Parlano i consiglieri Laura Bacchella e Oriano Castelli

Cogorno Democratica – Partecip@ttiva: “Viabilità nota dolente”
Valli ed entroterra, 08 Ottobre 2020 ore 10:24

Dopo la pausa estiva, il gruppo di minoranza ‘Cogorno Democratica -Partecip@ttiva’ fa il punto della situazione amministrativa ed esprime soddisfazione per i lavori di rifacimento del manto erboso del campo di San Martino e, soprattutto, per il restyling del campetto di Panesi, trascurato e abbandonato ormai da molti anni.

Le dichiarazioni:

Come evidenziato anche nel corso dell’ultimo Consiglio Comunale a proposito del D.U.P. (Documento Unico Programmatico), il Consigliere Oriano Castelli sottolinea con rammarico come vi sia ancora a disposizione (ormai dal 2017!) l’entrata finanziaria di 560.000 euro quale contributo da parte della Regione Liguria per il potenziamento della canalizzazione esistente in Via Divisione Coduri e per l’intervento di prolungamento della stessa al fine di convogliarla verso il fiume Entella. L’opera è indispensabile per evitare gli allagamenti che si verificano ogni volta che si presentano fenomeni atmosferici di rilievo, come accaduto ancora la scorsa settimana. Inutile dire che, visto che l’opera è prevista da anni e che è già stata finanziata, ci si aspetta che i lavori siano avviati quanto prima.

La viabilità continua ad essere la nota dolente del comune di Cogorno. Ultimamente, infatti, ci sono state molte lamentele per la chiusura per lavori della strada tra Breccanecca e Cogorno. Consapevoli della necessità di effettuare tali lavori e del fatto che la direzione degli stessi spetti alla Città Metropolitana, ci si chiede come l’Amministrazione si sia mossa per affrontare tale problematica in tempi ragionevoli. Da ultimo, si ricorda di essere in attesa, ormai da oltre un mese, dell’elenco delle convenzioni stipulate tra il Comune e le varie Associazioni operanti sul territorio.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità