Depuratore, Pisani propone un tavolo tra i sindaci del comprensorio

Depuratore, per il consigliere regionale da trovare subito le soluzioni sull'impianto e i rimborsi

Depuratore, Pisani propone un tavolo tra i sindaci del comprensorio
17 Ottobre 2017 ore 19:40

Il consigliere regionale del MoVimento 5 Stelle invita anche i Comuni ad aiutare i cittadini per le richieste di rimborso della quota di depurazione.

Depuratore, altro capitolo del “tormentone”

Si torna a parlare del depuratore comprensoriale. Il consigliere del Movimento Cinque Stelle, Gabriele Pisani apprezza la volonta del sindaco di Chiavari, Marco Di Capua per riaprire un tavolo di discussione. “Quello del depuratore è un tormentone che accompagna la vita politica del Tigullio da anni. Il motivo è perché non si è ancora riusciti a trovare una soluzione condivisa per tutto il territorio. Per questo abbiamo apprezzato le parole del sindaco di Chiavari, che esprime la volontà di riaprire un tavolo di discussione per trovare una soluzione reale a questo problema”.

Depuratore, aprire un nuovo tavolo al più presto

“Chiediamo che si faccia quanto prima e che sia aperto non solo alle figure tecniche, ma anche a tutti i sindaci del comprensorio coinvolti dal futuro impianto. Ricordiamo che la nostra proposta, quella più sensata ed economica, è quella di mettere a norma gli impianti già presenti, ma siamo anche consci che fino a quando il progetto che si sceglierà non sarà il frutto di una scelta unitaria,  rischierà sempre di arenarsi alla prima difficoltà. Anche per questo oggi è fondamentale sedersi ad un tavolo e decidere insieme”.

Depuratore, corsa contro il tempo per scongiurare le sanzioni

Con il passare degli anni del tormentone depuratore, il tempo stringe per scongiurare l’arrivo delle sanzioni europee. Pisani ricorda che col prolungamento dei tempi aumentano le richieste di rimborso da parte dell’utenza. “Richieste di rimborso da parte di quei cittadini che si vedono addebitata una quota non dovuta in bolletta per la depurazione delle acque per i ritardi della politica. Rimborso sancito da diverse sentenze, dovuto quindi a tutti i cittadini collegati ad una rete fognaria che ha un depuratore non a norma o che non lo sarà nei tempi consoni. Rimborso talmente riconosciuto che nel Ponente vede la regia dei comuni stessi per facilitare ai propri cittadini la compilazione dei moduli necessari per le richieste. I sindaci del Levante facciano lo stesso, mettendosi al servizio dei cittadini”.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità