Diga Perfigli, Cardelli sprona il Comune di Chiavari a dire no

A chiederlo è uno dei membri del comitato “Giù le mani dal fiume Entella” e promotore del ricorso al Tribunale Superiore delle Acque Pubbliche

Diga Perfigli, Cardelli sprona il Comune di Chiavari a dire no
27 Ottobre 2017 ore 08:45

Diga Perfigli al centro delle polemiche nuovamente. Dopo che l’assessore regionale Giacomo Giampedrone, nell’ultimo consiglio regionale che si è svolto martedì scorso, ha spiegato che il progetto di messa in sicurezza della sponda sinistra del fiume Entella è fermo solo perché la Città Metropolitana non ha ancora girato alla Regione i fondi previsti, prosegue la polemica attorno alla “Diga Perfigli”.

A chiederlo è uno dei membri del comitato “Giù le mani dal fiume Entella” e promotore del ricorso al Tribunale Superiore delle Acque Pubbliche

Federico Cardelli, promotore del ricorso al Tribunale Superiore delle Acque Pubbliche e membro del comitato Giù le mani dal fiume Entella, attacca il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti e lancia un appello al sindaco di Chiavari Marco Di Capua. “Una settimana prima di essere eletto Toti prometteva di annullare il progetto definendolo uno scempio di un territorio meraviglioso – ha affermato Cardarelli – la pubblicazione dell’appalto potrebbe essere questione di poco tempo, si rende perciò necessario che la nuova amministrazione comunale di Chiavari, ormai l’unica a dimostrare buona fede nei confronti dell’elettorato, acceleri la promessa revoca della propria adesione al progetto”.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità