Menu
Cerca
lavagna

Diga Perfigli, il comitato sfida il sindaco: "Si ritiri dall'accordo di programma"

La città metropolitana sta per procedere con l'affidamento dei lavori

Diga Perfigli, il comitato sfida il sindaco: "Si ritiri dall'accordo di programma"
Politica Chiavari - Lavagna, 19 Maggio 2021 ore 15:05

"Dopo il provvedimento di convocazione, da parte della Città metropolitana di Genova, della Commissione per l'aggiudicazione della gara relativa ai avori di mitigazione idraulica sul fiume Entella, consistenti principalmente nei noti muraglioni d'argine, il tempo si è fatto breve": Giovanni Melandri, presidente del Comitato "Giù le mani dal fiume Entella", richiama il sindaco di Lavagna Gian Alberto Mangiante alle sue responsabilità ora che la città metropolitana sta procedendo all'aggiudicazione dei lavori.

L'iter procedurale procede speditamente

"Inutile attendersi un ripensamento da parte della Città metropolitana - spiega Melandri - che, invece, sta completando velocemente l'iter procedurale per la partenza dei lavori. Più che mai la partita sta nelle mani del Sindaco di Lavagna che potrebbe fare adesso, quanto da tempo viene chiesto, di ritirare l'adesione del Comune di Lavagna dall'accordo di programma relativo all'esecuzione di tali interventi. Probabilmente, se lo facesse, sarebbe seguito anche da altri Sindaci, ad incominciare da quello di Chiavari".

In caso di eventi alluvionali il primo cittadino avrebbe gravi responsabilità penali

"Certo - prosegue Melandri - ciò comporta una precisa responsabilità, specie in caso di eventi alluvionali, per i quali potrebbe essere incolpato. Per quanto nessuno conosca il futuro, a memoria d'uomo, il fiume Entella non ha causato né danni rilevanti, né, tanto meno, perdite di vite umane, diversamente da rivi minori, che si sono dimostrati più pericolosi.
D'altra parte, non effettuare il passo della revoca significa assumersi la responsabilità di uno sfregio permanente al territorio lavagnese e non solo.
Un tale atto di coraggio sarebbe meritevole del massimo apprezzamento da parte di tutti, viceversa, il Sindaco di Lavagna dovrebbe assumersi la responsabilità di non averlo fatto, fallendo così a uno degli obiettivi più importanti del suo mandato".