lavoro

Ex Ilva, Garibaldi (Pd) a sostegno della protesta degli operai a rischio cassa integrazione

Da tre giorni operai in sciopero protestano davanti alla prefettura

Ex Ilva, Garibaldi (Pd) a sostegno della protesta degli operai a rischio cassa integrazione
Politica Chiavari - Lavagna, 25 Giugno 2021 ore 16:30

"Mentre la ripresa economica fa ripartire la domanda di acciaio, la più grande acciaieria d’Italia dal prossimo 28 giugno metterà in cassa integrazione i propri dipendenti": così il consigliere regionale Pd del Tigullio Luca Garibaldi sulle proteste degli operai ex Ilva che da tre giorni sono in sciopero contro la procedura di avvio della cassa integrazione che interesserà quasi mille dipendenti genovesi.

"Strategia incomprensibile, riparta il dialogo tra azienda e parti sociali"

"Una strategia incomprensibile - prosegue Garibaldi - che chiama in causa l’intera politica industriale del Paese.
Condividiamo le preoccupazioni per il futuro industriale del sito di Cornigliano sollevate dai lavoratori ex ILVA, e oggi eravamo in piazza con i lavoratori.
E’ essenziale ristabilire da subito un dialogo tra azienda e parti sociali, con l’aiuto delle Istituzioni locali e del Governo".
"L’azienda - conclude il consigliere regionale Pd - divenuta da pochi mesi a partecipazione pubblica, sospenda la richiesta di cassa integrazione e apra un confronto con i sindacati sul piano industriale e sugli investimenti necessari a sostenere la produzione in un settore cruciale per l'economia italiana".