Politica
autostrade

Garibaldi: "In caso di code subito lo stop ai pedaggi"

Innovativa proposta del consigliere regionale del Partito Democratico

Garibaldi: "In caso di code subito lo stop ai pedaggi"
Politica Chiavari - Lavagna, 07 Maggio 2021 ore 16:29

Sul caos autostrade interviene il consigliere regionale Pd Luca Garibaldi: "Su code e disagi per le autostrade liguri è il momento di dire basta: la situazione non è più accettabile. Serve una legge con meccanismo automatico per cui, quando ci sono lavori, ritardi e ripercussioni sulla viabilità scattino direttamente l'esenzione dei pedaggi per gli utenti e penali per le società che non rispettano i tempi di lavoro"

"Non bastano i tavoli: chi ci rimette sono i lavoratori"

"Anche oggi - afferma Garibaldi - gli automobilisti sono rimasti bloccati per ore in coda in autostrada, in tutta la Liguria: non bastano i tavoli, serve una legge per tutelare gli utenti e garantire il servizio.
Chi ci rimette sono i lavoratori e chi quelle strade le percorre e la soluzione a questi continui disagi non può essere la mera e continua convocazione da parte della Regione di Tavoli con la Società Autostrade dopo le code e i disagi. È un metodo che evidentemente non sta funzionando.
Serve un meccanismo automatico, per cui nel momento in cui si verificano problemi sulle autostrade scatti subito lo stop al pagamento dei pedaggi, e allo stesso tempo devono esserci immediatamente delle penali nei confronti dei concessionari come Autostrade che non rispettano le tempistiche dei lavori".

I cantieri rispettino le tempistiche stabilite

"Cantieri veloci e tempi rispettati - prosegue Garibaldi - questo deve essere il centro del lavoro sulle infrastrutture, un progetto che deve partire adesso e su cui il gruppo del Partito Democratico in Regione sta lavorando. Il Consiglio Regionale può votare leggi da portare in Parlamento, per questo il PD presenterà in Consiglio una Proposta di Legge da portare in Parlamento e che consenta di rendere automatici questi meccanismi.
Nel frattempo chiediamo che la Regione, come ha fatto la scorsa estate, emetta ordinanze ad hoc per i cantieri, perché la situazione sta diventando insostenibile."