regione

Lega Liguria, "No al Green Pass sul modello francese"

"Una follia" secondo i consiglieri regionali Mai e Brunetto

Lega Liguria, "No al Green Pass sul modello francese"
Politica Chiavari - Lavagna, 14 Luglio 2021 ore 16:55

“Siamo contrari a importare il ‘modello francese’ in Liguria. Diciamo no a ‘Green pass’ e tamponi Covid per andare a mangiare un piatto di pasta al pesto al ristorante o bere un caffè al bar. Al momento la situazione in Italia e nella nostra regione è sotto controllo, le misure di sicurezza sono sufficienti e quindi non serve nessun ‘modello francese’: lo hanno dichiarato i consiglieri regionali leghisti Stefano Mai (capogruppo) e Brunello Brunetto (presidente della II commissione Salute e Sicurezza sociale).

Meglio i tamponi antigenici rapidi

"Come ha giustamente affermato anche Matteo Salvini, - affermano i consiglieri leghisti - sarebbe una follia. Inoltre, auspichiamo che le sale da ballo riaprano già dal prossimo fine settimana per far tornare i giovani e meno giovani a divertirsi liberamente e in piena sicurezza. In questo caso, la Lega in Regione Liguria ha già presentato un ordine del giorno proponendo una soluzione ragionevole per tutti. Si tratta di istituire, in accordo con i gestori dei locali, delle postazioni con tamponi antigenici rapidi messi a disposizione degli avventori ed effettuati da personale sanitario nelle adiacenze esterne degli ingressi delle discoteche liguri”.