Politica

Minoranza: «Valentina Ghio non sarebbe mai stata eletta in Parlamento»

I consiglieri Armanino, Conti, Scartabelli, Stagnaro e il presidente dell'associazione Futuro Migliore Muzio contro il sindaco

Minoranza: «Valentina Ghio non sarebbe mai stata eletta in Parlamento»
Politica Sestri - Val Petronio, 23 Gennaio 2018 ore 15:10

“L'annuncio del sindaco Valentina Ghio di rinunciare alla candidatura al Parlamento non è stato un atto di generosità o magnanimità nei confronti della città di Sestri Levante ma solo un calcolo di pura convenienza politica in quanto sapeva benissimo che non avrebbe avuto alcuna possibilità di essere eletta. Certamente il suo ondeggiare da Renzi a Orlando passando per Bersani ha ulteriormente indebolito la credibilità della sua figura per una sicura candidatura romana". Ad affermarlo i consiglieri comunali di minoranza Albino Armanino, Marco Conti, Gianfranco Scartabelli, Giancarlo Stagnaro e il presidente dell'associazione Futuro Migliore Francesco Muzio.

I consiglieri Armanino, Conti, Scartabelli, Stagnaro e il presidente dell'associazione Futuro Migliore Muzio contro il sindaco di Sestri Levante

"Coesione e determinazione nel raggiungere gli obiettivi del bene comune sono la forza della nostra coalizione civica e politica – annunciano i cinque - proprio in queste settimane stiamo completando la bozza iniziale del programma che presenteremo agli elettori di Sestri Levante. Fra le nostre proposte ci saranno importanti progetti che riguardano il turismo e l’ ambiente, due settori fra loro strettamente collegati che sono in grado di creare nuove opportunità di lavoro e quindi di crescita economica per tutti - continuano Armanino, Conti, Scartabelli, Stagnaro e Muzio -  la vicinanza a regioni come Lombardia e Piemonte, motori pulsanti dell'economia Italiana, insieme al nuovo corso del Comune di Genova e alla fattiva collaborazione con la Regione Liguria sono elementi che possono essere determinanti per lo sviluppo turistico del nostro Comune, in tutte le stagioni dell’ anno. Se la nostra città vuole conquistare un ruolo di primo piano nell’accoglienza turistica e nell'attrattività anche di nuove imprese – prosegue la minoranza - la parola d’ordine dovrà essere qualità a ogni livello, anche nei servizi comunali al cittadino e alle imprese. La qualità infatti produce interesse, attrattiva e quindi ricchezza, proprio come è accaduto nella vicina Versilia che, dopo gli anni d’oro e dopo un periodo di flessione, si è reinventa tutto raggiungendo ora standard di massimo livello nazionale e internazionale. A Sestri Levante, dal punto paesaggistico, non manca nulla: la nuova amministrazione comunale dovrà favorire e incentivare il resto. Da mesi stiamo portando avanti un grande lavoro per dare quella svolta che i cittadini ci stanno chiedendo a gran voce - concludono Armanino, Conti, Scartabelli, Stagnaro e Muzio - a breve presenteremo la squadra di governo e un programma che vuole dare speranza ai nostri concittadini per un concreto rilancio della nostra bellissima Sestri Levante".