Politica
opposizione

Officina Lavagnese, sulla pista ciclabile "l'amministrazione ammette gli errori"

Bocciata dal consiglio la possibilità di ricostruire le serre del Lungoentella con coperture fotovoltaiche

Officina Lavagnese, sulla pista ciclabile "l'amministrazione ammette gli errori"
Politica Chiavari - Lavagna, 30 Novembre 2022 ore 15:14

Officina Lavagnese rende note le sue posizioni riguardo ad alcuni punti del Consiglio Comunale di martedì 29 novembre 2022.

Le osservazioni sul Lungo Entella

"Riguardo alle controdeduzioni dell’Amministrazione Comunale alle osservazioni che alcuni cittadini hanno presentato alla variante urbanistica concernente la piana dell’Entella - spiegano i consiglieri Aurora Pittau e Guido Stefani - il Consiglio comunale, all’unanimità, aveva approvato per l’area ricadente sulla piana dell’Entella una destinazione d’uso che mantenesse le sole attività agricole, evitando contemporaneamente la possibilità di nuove edificazioni. Le osservazioni presentate dai cittadini, operatori agricoli già presenti attivamente su queste aree, chiedevano:
– la possibilità, dopo i lavori per la mitigazione del rischio idraulico, di ricostruire le serre esistenti secondo criteri più moderni, come serre fotovoltaiche;
– la possibilità di realizzare strutture di deposito precarie o di ampliarle fino ad una superficie di 20 m2;
– la possibilità di procedure autorizzative semplificate, in grado di permettere ai richiedenti un rapido iter per la realizzazione di tali opere precarie.

L’Amministrazione lavagnese ha bocciato tutte queste richieste. In altre occasioni e con grande facilità l’Amministrazione aveva invece approvato varianti urbanistiche che avevano invece favorito la loro trasformazione. Officina Lavagnese, capendo la bontà delle osservazioni ha votato a favore ed ha apprezzato l’astensione di alcuni consiglieri di maggioranza".

Pista ciclabile

"La mozione proposta dal Movimento 5stelle - proseguono Pittau e Stefani - ha messo in luce ancora una volta i limiti enormi della cosiddetta pista ciclopedonale di Lavagna, richiedendone l’adeguamento alle disposizioni di legge soprattutto per quanto riguarda le dimensioni e le limitazioni di utilizzo. Il fatto che anche la maggioranza, oltre alla minoranza, abbia approvato la mozione, seppur leggermente emendata, ci sembra un riconoscimento implicito di aver realizzato un’opera non adeguata, come Officina lavagnese da tempo aveva fatto notare".

Seguici sui nostri canali