Politica
Chiavari

Porto, Messuti replica a Giardini e Colombo

È polemica sulla richiesta dell’IVA di 600mila euro sul canone

Porto, Messuti replica a Giardini e Colombo
Politica Chiavari - Lavagna, 27 Maggio 2022 ore 15:01

«Ancora una volta la consigliera Colombo dimostra di non conoscere i provvedimenti che la sua amministrazione ha preso»: è l’ attacco del candidato sindaco Federico Messuti alla consigliere Daniela Colombo e al candidato sindaco Giovanni Giardini in merito alla questione Porto.

«Infatti l’amministrazione Levaggi, di cui Colombo e Giardini facevano parte - prosegue Messuti - ha richiesto a Tigullio Shipping, nel giugno 2016, il saldo del capitale del canone ricognitorio senza chiedere l’Iva che ammonta a 600.000 euro, nonostante quest’ultima fosse dovuta come risultava dai documenti del 2011. L’amministrazione Di Capua ha controllato la procedura dei predecessori e si è accorta della grave mancanza e ne ha immediatamente richiesto il pagamento a Tigullio Shipping. Per questo il Comune di Chiavari ha dato, da tempo, incarico al legale avv. Davide Squeri che ha già avviato e concluso la negoziazione assistita per accertare giudizialmente il diritto ad incassare la somma sopraindicata e quanto ancora dovuto. Invece per i canoni di locazione dovuti da Tigullio Shipping, l’azione legale è stata intrapresa dall’avv. Devoti che ha concluso una transazione che prevede la rateizzazione delle somme da pagare. Il Comune ha emesso i bollettini che sono stati al momento pagati. Restano ancora due quote che saranno esigibili entro il corrente anno.
La nostra amministrazione ha correttamente tutelato il Comune Chiavari, mentre chi scrive ha “dimenticato” di chiedere 600.000 euro e si è pure "dimenticato” che i 543 giorni citati decorrevano interamente durante l’amministrazione Levaggi dal 2012 al 2017.
I due consiglieri di opposizione dimostrano, ancora una volta, di non conoscere le norme di legge che stabiliscono che la presidenza della commissione di collaudo sia affidata al Sindaco o ad un suo delegato, in questo caso all’assessore Bisso. Le ragioni di carattere tecnico sottese al completamento del collaudo sono state evidenziate dai membri regionali della commissione in tutti i verbali pubblici. È evidente che il collaudo veda contrapposti gli interessi di due società private. Il Comune ha sempre agito per ottenere il collaudo del porto che in ogni caso è agibile e funzionale dal momento che Marina Chiavari ha chiuso con maggiori utili rispetto al periodo 2012-2017» spiega il candidato sindaco Federico Messuti.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter