Politica
regione

Riapre la passeggiata di Zoagli, Giampedrone taglia il nastro

Torna accessibile a tutti fino alla stazione ferroviaria il lungomare Canevaro, distrutto dalla mareggiata del 2018

Riapre la passeggiata di Zoagli, Giampedrone taglia il nastro
Politica Rapallo - Santa Margherita, 06 Aprile 2022 ore 14:34

Sopralluogo dell’assessore regionale alla Protezione civile Giacomo Giampedrone a Zoagli insieme al sindaco Fabio De Ponti, per la conclusione dei lavori lungo la passeggiata di Levante di Zoagli, denominata ‘lungomare Canevaro’, oggi completamente riaperta fino alla stazione ferroviaria.

Alla vigilia dell'estate

“Il definitivo completamento dell’intervento fino alla stazione – afferma Giampedrone - consente di restituire la piena fruibilità di una delle più belle infrastrutture della Liguria a cittadini e turisti. Questa passeggiata sul mare era collassata a ottobre 2018 sotto la furia della mareggiata: nel giugno scorso abbiamo riaperto un primo tratto di 350 metri, fino al punto panoramico della ‘torretta’ sul mare; oggi vediamo completato il ripristino anche dell’ultimo tratto lungo circa 250 metri, che presentava diverse difficoltà strutturali. Un risultato importante, alla vigilia di una primavera di ripartenza anche del turismo, dopo l’emergenza sanitaria che abbiamo vissuto”.
I lavori hanno previsto il completo ripristino delle strutture danneggiate e la ricostruzione in pietra locale e calcestruzzo del percorso con la realizzazione di fiorettature nella falesia e adeguata armatura in ferro. Le opere di finitura hanno compreso anche la realizzazione della ringhiera e della soletta di calpestio.

Lavori finanziati da Regione Liguria

I lavori sono stati finanziati dalla Regione attraverso 335.500 euro di fondi provenienti dal Dipartimento nazionale di Protezione civile. “Come Regione Liguria – aggiunge Giampedrone – abbiamo stanziato 700mila euro, di cui 400mila per il ripristino del tratto a levante della passeggiata e 300mila per quello a ponente, recuperato lo scorso anno. Risorse fondamentali per la difesa del suolo e della falesia stessa, in quanto il percorso pedonale rappresenta il primo baluardo contro le mareggiate e il fenomeno erosivo per restituire a Zoagli l’unicità della sua passeggiata”.
Tra le difficoltà nel completamento dei lavori nell’ultimo tratto, una ha riguardato in particolare la completa ricostruzione della scala in prossimità della stazione di sollevamento fognario: la mareggiata aveva portato via una consistente porzione della falesia e quindi dei punti di appoggio fondamentali. È stato quindi necessario realizzare un’opera provvisoria di ponteggiatura, ad elevata complessità progettuale ed esecutiva. Sono stati realizzati gli interventi strutturali di rifacimento dei manufatti di sostegno distrutti o gravemente compromessi, il ripristino del piano di calpestio, la ricostruzione delle scalette che conducono al mare, il presidio di tratti di falesia compromessa, il rifacimento delle sedute in pietra ed il completo adeguamento della ringhiera a protezione.

Nuova illuminazione

L’originario impianto scenografico di pubblica illuminazione è stato interamente ripristinato, ottimizzandone in particolare le caratteristiche di sicurezza e migliorandone la resa attraverso l’impiego dei fari a tecnologia led i cui filtri e griglie retinate (appositamente realizzate per la prima volta dalla ditta produttrice in un caso in specie) hanno consentito l’abbattimento dell’inquinamento luminoso e lo spettacolare illuminamento degli spazi ed antri marini. In particolare, è stata restituita “dignità” al piccolo incavo in roccia che originariamente ospitava una statuetta di una madonnina votiva andato completamente distrutto dalla mareggiata del 2018.

“Sono contento e orgoglioso di essere riusciti in 13 mesi a completare un’opera indispensabile per il nostro comune – afferma il sindaco de Ponti - la passeggiata di levante che, insieme a quella di ponente, è una caratteristica peculiare del nostro piccolo borgo del Tigullio. Sono grato a Regione di aver investito risorse importanti per finanziare l’opera e l’insieme di interventi che ci hanno permesso l’anno scorso di completare l’80% del tratto, in tempo per la stagione estiva, e di concludere i lavori di ripristino entro l’avvio della stagione 2022, che partirà nei prossimi giorni con le festività pasquali”.

9 foto Sfoglia la gallery
Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter