Richiesti fondi per il ripristino dei muretti a secco

Secondo Garibaldi è necessario e urgente investire in maniera più determinante su recupero e ripristino dei muretti a secco

Richiesti fondi per il ripristino dei muretti a secco
Chiavari - Lavagna, 13 Marzo 2019 ore 09:57

Piano di Sviluppo Rurale, dalla Regione arriva la richiesta di fondi per il ripristino dei muretti a secco. L’interrogazione di Luca Garibaldi.

Il dibattito

Luca Garibaldi (Pd) ha presentato un’interrogazione, sottoscritta dai colleghi del gruppo Giovanni Barbagallo e Luigi de Vincenzi, sul bando “Supporto agli investimenti non produttivi connessi all’adempimento degli obiettivi agroclimatico-ambientali” del PSR 2014-2020 con il quale possono essere finanziati, tra gli altri, gli interventi per il ripristino dei “muretti a secco”. ·Il consigliere ha chiesto alla giunta a quanto ammontano le richieste liquidate e quelle ammissibili, ma non finanziate per mancanza di fondi, e quali provvedimenti la giunta intende attuare per coprire le richieste ammissibili e non finanziate. Secondo Garibaldi è necessario e urgente investire in maniera più determinante su recupero e ripristino dei muretti a secco proprio nella stagione primaverile ed estiva ma esistono ancora quasi duemila domande non finanziate

L’assessore all’agricoltura Stefano Mai ha confermato che il numero di domande giunte ha superato la quantità di risorse messe a disposizione, nonostante siano state incrementate nel corso del tempo.

“Attualmente la misura destinata ai muretti a secco – ha aggiunto – è vuota”.

Mai non ha escluso una rimodulazione finanziaria nel Psr ma questo richiede precise “scelte politiche” rispetto ad altri settori.  L’assessore ha illustrato, inoltre, alcune possibilità di reperire risorse fuori dal Psr. Mai ha comunque assicurato che nella programmazione del prossimo PSR si potranno avere ulteriori risorse per rimpinguare il capitolo delle misure destinate ai muretti a secco.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità