Riorganizzazione ospedaliera: Sestri chiede consiglio congiunto, Rapallo fa un passo indietro

Votata all'unanimità la mozione in consiglio comunale a Sestri, mentre i comuni del Tigullio Occidentale frenano

Riorganizzazione ospedaliera: Sestri chiede consiglio congiunto, Rapallo fa un passo indietro
29 Settembre 2017 ore 10:37

Piano Socio Sanitario, consigli congiunti sì, consigli congiunti no: promosso quello della Val Petronio, passo indietro nel Tigullio Occidentale.

Sestri Levante chiede un consiglio congiunto coi comuni del distretto

L’ospedale di Sestri Levante

Ieri sera durante il consiglio comunale a Sestri Levante la maggioranza ha presentato una mozione urgente in merito alla riorganizzazione sanitaria del Tigullio. La decisione di presentare questa mozione urgente è maturata nella scorse settimane dopo l’annuncio del depotenziamento del polo ospedaliero di Sestri. Non apparirebbe chiaro, secondo il nuovo Piano Socio Sanitario, se l’ospedale di Sestri avrà ancora attivi alcuni reparti come oncologia e chirurgia. Nella mozione si chiede a Sonia Viale, assessore regionale alla Sanità, un confronto in un consiglio comunale congiunto con gli altri comuni del distretto per avere dei chiarimenti sul futuro dell’ospedale. Il consiglio ha approvato all’unanimità la mozione.

Unanimità che attesta come, pur con dei distinguo, l’apprensione o comunque la necessità di chiarezza è un sentimento piuttosto trasversale fra le parti politiche, e non solo nel centrosinistra sestrese, che con Sonia Viale ha fortemente battibeccato negli scorsi giorni.

Consiglio congiunto, il Tigullio Occidentale frena

L’ospedale di Rapallo

Lo testimoniava anche l’analoga proposta, già avanzata negli scorsi giorni, del Tigullio Occidentale di riunirsi in una seduta plenaria, per affrontare il nodo riguardante il polo ospedaliero di Rapallo. E si sarebbe trattato di un consiglio congiunto fra amministrazioni politicamente ben più vicine di quella sestrese al colore della Giunta Regionale. Ora, tuttavia, lì si sarebbe fatto un passo indietro: Bagnasco si è dichiarato sulle pagine del Nuovo Levante ottimista per il futuro dell’ospedale rapallese, ma secondo quanto scrive il Secolo XIX proprio l’espressione di malcontento da parte del Presidente della Regione Toti e della sua vice Viale avrebbe fatto frenare la foga dei Sindaci di Rapallo, Santa, Portofino e Zoagli. E improvvisamente tutta questa fretta per il maxi consiglio sembra, almeno dai toni, essere evaporata.

Sestri “contro” la Regione: la Val Petronio con chi si schiererà?

Alla proposta di Sestri Levante ora bisognerà vedere come risponderanno le Amministrazioni vicine: Moneglia e soprattutto la Casarza dell’ex sindaco Claudio Muzio, ora approdato proprio in consiglio regionale, sono feudi di centrodestra. Le preoccupazioni sono serpeggiate anche lì, ed anche in tempi non sospetti (a Moneglia nei mesi scorsi era stato accolto un OdG della minoranza che impegnava la giunta a monitorare l’evolversi del progetto di riorganizzazione ospedaliera), ma gli equilibri politici potrebbero influire sulla volontà di esporsi dei Sindaci e delle rispettive maggioranze sicché le – legittime – apprensioni non possano essere lette come contrasti politici. Anche in vista delle vicine elezioni metropolitane.

(LEGGI QUI) le altre notizie de primaillevante.it

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità