Politica

Come saranno spesi i 145mila euro per la presunta Siestri di Dante?

Interrogazione della minoranza a Neirone sul denaro stanziato dal governo per valorizzare la località fontanina

Come saranno spesi i 145mila euro per la presunta Siestri di Dante?
Politica Valli ed entroterra, 16 Gennaio 2018 ore 17:44

I consiglieri comunali di minoranza di “Insieme per Neirone – il Ponte” Riccardo Alessandro Bottino e Lucilla Bertonati hanno presentato un’interrogazione nella quale chiedono al sindaco di Neirone Stefano Sudermania come verranno spesi i 145mila euro stanziati dal governo per il recupero di Siestri nell’ambito del progetto “Bellazz@ – Recuperiamo i luoghi culturali dimenticati”.

Interrogazione della minoranza a Neirone sul denaro stanziato dal governo per valorizzare la località fontanina

“Intra Sïestri e Chiaveri s’adima una fiumana bella”: è l'inizio della terzina in cui Dante Alighieri racconta nella Divina Commedia l'incontro con Papa Adriano V dei Fieschi, nel XIX canto del Purgatorio. Tutti a scuola abbiamo studiato che il Sommo Poeta con quella frase facesse riferimento al fiume Entella ed alle città di Sestri Levante e Chiavari. Finché Paola Manni, docente dell’Università di Firenze e vice presidente dell’Accademia della Crusca, ha recentemente affermato che la Sïestri citata da Dante in realtà fosse una piccola località nel comune di Neirone.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter