Botteghe storiche a Sestri, una bottega e sette nuovi locali della tradizione

Continua il percorso di valorizzazione del tessuto commerciale del territorio, con la seconda tornata di riconoscimento delle Botteghe Storiche

28 Novembre 2017 ore 11:39

Si è conclusa nei giorni scorsi la seconda tornata di riconoscimento delle Botteghe Storiche e dei Locali della Tradizione di Sestri Levante che hanno presentato domanda.

A Sestri 11 Botteghe Storiche e 12 Locali della Tradizione

“Siamo il primo Comune della Città Metropolitana, dopo Genova, a portare avanti questa iniziativa. – ha commentato il sindaco di Sestri Levante Valentina Ghio -.  L’iniziativa vuole unire il riconoscimento della storia del nostro territorio ad un percorso di valorizzazione e promozione del nostro tessuto commerciale. Le Botteghe Storiche e i Locali della Tradizione sono importanti custodi del nostro passato. Un legame che vogliamo portare con noi mettendolo in luce e utilizzandolo come veicolo di promozione turistica. Poiché proprio per la loro natura rappresentano un elemento caratteristico e distintivo della nostra città.”

La seconda tornata di riconoscimenti delle Botteghe Storiche a novembre

I nuovi riconoscimenti sono stati definiti nel mese di novembre dalla Commissione costituita a questo scopo. Assegnato lo status di Bottega Storica a al Bar Centrale di corso Colombo. Assegnato quello di Locale della Tradizione a: Casalinghi Caddea di corso Colombo, alla cartoleria Assereto di via XXV Aprile, all’hotel Due Mari in vico del Coro, al ristorante hotel Mira in viale Rimembranza, ai bagni Sempione, di viale Rimembranza, ai bagni Sporting, di via V. Veneto e al chiosco Dani Lisa di via Veneto.

I criteri per il conferimento dei titoli

L’iter per il conferimento dei riconoscimenti ha comportato l’esame delle richieste pervenute. Dopo il sopralluogo delle attività per verificare che rispondessero ai criteri definiti dalla Commissione per il riconoscimento della qualifica di Bottega Storica o di Locale della Tradizione. Criteri come elementi architettonici, arredi, attrezzature e strumenti di lavoro, documentazione, contesto storico ambientale. Nello specifico, per essere riconosciuti come “Bottega Storica”, è necessario svolgere la stessa attività, nello stesso locale, da almeno 50 anni e possedere almeno 3 dei 5 requisiti richiesti, mentre i “Locali di Tradizione”, devono aver svolto la stessa attività, nello stesso locale, da almeno 50 anni.

Da chi è composta la commissione di valutazione per le Botteghe Storiche

La Commissione di valutazione è composta da Comune di Sestri Levante, Segretariato Regionale del Ministero dei beni Culturali per la Liguria, Soprintendenza Archivistica e Bibliografia, Soprintendenza Archeologica Belle Arti e Paesaggio, Camera di Commercio e Associazioni di Categoria Ascom e Confesercenti.

Si allunga l’elenco delle Botteghe Storiche e dei locali della tradizione

Attualmente quindi l’elenco delle Botteghe Storiche di Sestri Levante include Abbigliamento Rossi, Ai pesci vivi pescheria, alimentari Sanguineti, Antica Osteria Pizzarello, barbiere Baicin, Garibotto elettrodomestici, ristorante Portobello, Rossignotti – nelle sue tre sedi -, bar Centrale . I locali della tradizione includono invece: bar gelateria Baciollo, merceria Marzi, stabilimento balneare Bagni Lido, stabilimento balneare Segesta, trattoria Antico Tannino, casalinghi Caddea, cartoleria Assereto, hotel Due Mari, ristorante hotel Mira, bagni Sempione, bagni Sporting e chiosco Dani Lisa. Entro la fine dell’anno saranno consegnati i riconoscimenti alle attività insignite del titolo.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità