Politica
consiglio

"Solidarietà al popolo afghano"

La mozione di Officina Lavagnese

"Solidarietà al popolo afghano"
Politica Valli ed entroterra, 28 Agosto 2021 ore 17:34

Il Gruppo Consiliare “Officina Lavagnese” composto da Guido Stefani e Aurora Pittau ha presentato una mozione "Solidarietà al popolo afghano" affinché sia discussa e votata dal Consiglio Comunale di Lavagna. 

Con la conquista dell’Afghanistan da parte dei talebani, la vita di migliaia di donne e uomini afgani  è a rischio.

Ciò riguarda in particolare coloro che, per le loro scelte, sono considerati dai talebani come nemici da ridurre al silenzio o addirittura da eliminare.

Tra questi vi sono molte donne, che si sono impegnate anche a fianco dell'Italia e dei Paesi europei per cercare di promuovere un Afghanistan laico, aperto, equo e attento alla promozione dei valori universali a cui le nostre società si ispirano.

 

Il Governo italiano ha ritenuto opportuno predisporre un Piano per mettere in sicurezza i collaboratori del contingente militare e diplomatico a Kabul e presso il comando di Herat. Ma ha anche espresso l’urgenza di offrire protezione umanitaria a quanti hanno collaborato con le Istituzioni italiane in questi anni e alle persone più vulnerabili.

 

Serve ora però una risposta comune europea, per creare canali di accesso e corridoi umanitari, con una particolare priorità per le donne, i minori e le famiglie. La comunità internazionale deve adoperarsi per costruire e garantire vie di uscita e una vera e diffusa accoglienza per il popolo Afghano, e per i tanti civili che in questi 20 anni hanno collaborato con coraggio e lealtà con i governi, le ong, e le associazioni straniere per costruire un nuovo Afghanistan.

 

L'Europa, l’Italia, possono ora dare una risposta concreta alla prima urgente sfida che abbiamo davanti nello scenario della caduta di Kabul: l'accoglienza di tutti coloro che da tempo si impegnano per la difesa delle libertà fondamentali, dei diritti civili, dei diritti delle donne.

 

In questo scenario, come già ribadito dall’Anci, Officina Lavagnese chiede al Sindaco, alla Giunta e al Consiglio Comunale tutto di LAVAGNA , di:

  • esprimersi al riguardo e dioffrire la propria disponibilità a collaborare con il Governo per quanto si renda necessario al fine di garantire percorsi di integrazione pieni e duraturi per i collaboratori afgani e per le   In attesa della normativa nazionale che disciplinerà termini e condizioni dell’accoglienza dei cittadini afghani;
  • prevederel’ampliamento della capacità di accoglienza diffusa sul territorio, con risorse mirate per l’emergenza in corso, all’interno delle risorse del nostro Comune, con la collaborazione dei nostri servizi sociali e delle eventuali associazioni del territorio;
  • candidarsi a gestire l’accoglienza dei profughi afgani che vorranno essere indirizzati sul nostro territorio.

 

Come consiglieri di Officina Lavagnese sappiamo bene che la questione afghana è di una dimensione complessa, che dovrà essere gestita solo attraverso un coordinamento a livello internazionale, ma che, proprio per questo, deve vederci, sin da subito, disponibili a mettere a disposizione le strutture comunali per contribuire alla accoglienza dei collaboratori afghani, degli attivisti e di chi è esposto al pericolo.