Tensione alla Camera, Zolezzi denuncia un’aggressione

Il deputato Luigi Marattin avrebbe alzato le mani contro il parlamentare pentastellato di Sestri Levante

Tensione alla Camera, Zolezzi denuncia un’aggressione
Sestri - Val Petronio, 15 Febbraio 2019 ore 08:13

Ieri tensione alta in aula alla Camera che ha visto lo scontro tra i deputati del Movimento 5 Stelle e del Partito Democratico.

“Violenza in ordine del giorno alla Camera”

Il M5S denuncia che il deputato Luigi Marattin avrebbe “alzato le mani” contro il collega pentastellato Alberto Zolezzi.

“Quanto accaduto è gravissimo – fanno sapere i deputati del M5S – Chiediamo immediatamente l’intervento degli organi preposti. Un episodio di violenza del genere va condannato senza se e senza ma. Marattin deve essere allontanato. Evidentemente il Partito Democratico non ha più argomenti e può solo ricorrere a bagarre e atti di violenza fisica”.

E lo stesso Zolezzi scrive un post dal titolo “Violenza in ordine del giorno alla Camera”:

“Quello che mi è successo in aula è gravissimo. Sono stato aggredito verbalmente e fisicamente dal deputato del Pd Luigi Marattin – accusa – che improvvisamente si è avvicinato a me offendendomi a muso duro, tirandomi due schiaffi ed esclamando ‘questo cellulare te lo metto su per il XXX’. Il video del gesto a dir poco indecoroso che abbiamo diffuso sui social è la prova che purtroppo è tutto vero. Chiederemo la sanzione più severa possibile per questa persona e il gruppo del Partito Democratico dovrà rispondere sull’episodio. La violenza fisica non è mai tollerabile, tanto più in una sede come la Camera dei deputati”.

Ma Marattin si difende:

“Aggressione? Sono andato a dirgli che secondo il regolamento non può fare riprese, e ho ricevuto in cambio i soliti insulti che da 15 minuti ci stavano rivolgendo, con lo scandaloso beneplacito del Presidente Fico. Patetico il tentativo di passare per vittima; manco fosse il grande Pippo Inzaghi quando faceva simulazione in area”.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità