Trenitalia, M5S chiede un tavolo di discussione

"Necessario porre le basi della ridiscussione del contratto di servizio fra Trenitalia e Regione"

Trenitalia, M5S chiede un tavolo di discussione
Chiavari - Lavagna, 23 Agosto 2019 ore 08:54

Il Movimento 5 Stelle interviene sui continui ritardi dei treni che continuano a creare disagi a pendolari e turisti. Parla Alice Salvatore.

Le dichiarazioni:

“Dopo il disastro di ferragosto, e dopo le dichiarazioni rilasciate, riteniamo doveroso che l’assessore Berrino divulghi l’ammontare preciso delle penali comminate a Trenitalia. Parimenti, l’assessore comunichi su quali basi intenderebbe rescindere il contratto di servizio, dato che purtroppo non pare una via percorribile in quanto Regione a suo tempo stipulò un contratto ‘capestro’ tutto a favore di Trenitalia e senza vantaggi per utenza e servizio”.

Così la capogruppo regionale Alice Salvatore, che poi chiede:

“Come si riuscirà a risolvere anche l’altro annoso problema che attanaglia tutti gli utenti e in particolare i pendolari, che fanno un uso quotidiano dei treni: la sporcizia all’interno dei vagoni?.

Per quanto riguarda l’increscioso episodio del 16 agosto, che non è certo isolato, insieme a molti altri analoghi disservizi – prosegue la consigliera – proponiamo a Regione e Trenitalia di istituire un bonus premio per risarcire gli utenti dei disagi subiti, che possa tradursi in abbonamenti gratuiti, in futuri biglietti gratis, compatibilmente con le normative vigenti. Perché non basta rimborsare di quanto l’utente spende, bisogna anche indennizzare il danno e il disagio.

Chiediamo infine – conclude – che sia convocato al più presto un tavolo di discussione con Trenitalia da parte di Regione, proprio per porre le basi della necessaria ridiscussione del contratto di servizio fra Trenitalia e Regione, da farsi nei termini e nei tempi consentiti”.

Dai una mano a
Sono ormai settimane che i giornalisti del tuo quotidiano online lavorano senza sosta per garantirti un'informazione precisa e puntuale dal tuo territorio.
Tutto questo gratuitamente, senza chiedere nulla in cambio.
Viviamo di pubblicità. Una risorsa che è venuta a mancare nelle ultime settimane a causa delle conseguenze dell'emergenza CoronaVirus.
Per questo ci rivolgiamo a te. Ti chiediamo di sostenere il tuo quotidiano online con un contributo volontario.
Ci aiuterà a superare questo momento, continuando a informarti.
Grazie.

Scegli il tuo contributo: