Un progetto per recuperare le rocche di Sant’Anna

Il sito è compreso nelle aree protette della “Rete Natura 2000” ed è sottoposto a vincolo di Tutela Paesaggistica”

Un progetto per recuperare le rocche di Sant’Anna
11 Settembre 2017 ore 15:56

Il Comune di Sestri Levante ha elaborato e presentato alla Regione Liguria un importante progetto di “Recupero del sentiero delle rocche di Sant’Anna a Sestri Levante” .

Il progetto “delle rocche di Sant’Anna”

L’oggetto dell’intervento è il sentiero denominato “delle Rocche di Sant’Anna” con i caratteristici ponti a cui è associato un intervento supplementare inerente il recupero dei ruderi della Chiesa di Sant’Anna. Il tracciato, che collega Sestri Levante ai ruderi della chiesa di Sant’Anna, risale la valle del Fico ed è caratterizzato da diversi tornanti e da cinque ponti ad unica arcata. Il progetto si pone prioritariamente l’obiettivo di salvaguardare e migliorare l’utilizzo sostenibile, la biodiversità, i valori naturalistici, paesaggistici e storici del territorio in oggetto.  Interventi che prevedono il recupero e la messa in sicurezza del tracciato e dei manufatti presenti con l’obiettivo del pieno recupero della fruizione del percorso. I ponti presentano alterazioni dovute al trascorrere de tempo e alla presenza di micro vegetazione o dovuti all’azione meccanica di acqua e vento e richiedono alcuni interventi: il primo riguarda la lacunosità del pavimento che, necessita di una completa reintegrazione. “Le opere in progetto non solo consentono il risanamento conservativo dei manufatti storici e la regimazione idrica dell’intero percorso, ma al contempo perseguono l’obiettivo paesistico d’inserirsi nell’ambiente di riferimento nella maniera meno impattante possibile, in una delle aree più belle di Sestri Levante”, ha detto il sindaco Valentina Ghio. I lavori sono divisi in due lotti:  355.660,13 euro per il recupero del sentiero, mentre 166.936,6 euro per i ruderi della chiesa di Sant’Anna.

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità