regione

Vaccino obbligatorio, no di Fratelli d'Italia: "Il Green Pass è un ricatto"

Vaccino obbligatorio, no di Fratelli d'Italia: "Il Green Pass è un ricatto"
Politica Chiavari - Lavagna, 22 Luglio 2021 ore 11:41

Duro comunicato di Fratelli d'Italia nei confronti delle modalità di applicazione del "Green Pass" così come previsto dal Governo.

"Contraccolpi negativi al turismo se il Green Pass sarà obbligatorio"

"Abbiamo ampiamente dimostrato - scrive il gruppo regionale di Fratelli d'Italia - attraverso le nostre iniziative regionali portate in consiglio, di essere totalmente favorevoli al vaccino, tanto da esserci sottoposti spontaneamente a tale pratica; ciò non toglie che riteniamo l’obbligatorietà del green pass, così come ideato, un ostacolo che possa creare contraccolpi negativi al turismo e alle attività commerciali ad esso correlate già provate dalle chiusure indiscriminate promosse dal governo Conte.

Ad oggi le aziende d’Italia ed in particolare della nostra regione non reggerebbero ad ulteriori ripercussioni economiche negative".

"Panico tra la popolazione per le comunicazioni del ministro Speranza"

"Vaccinarsi è fondamentale - chiariscono dal partito - per la salvaguardia della propria salute e crediamo inoltre sia un gesto di altruismo verso chi non può farlo per svariati motivi, questo concetto deve essere reso comprensibile alla popolazione attraverso dati scientifici e ragionamenti chiari. Trasparenza e serietà sono elementi imprescindibili per favorire la campagna vaccinale in cui crediamo. La comunicazione contraddittoria del ministro Speranza sui vaccini ha scatenato il panico tra la popolazione ora è il momento di ridare serenità e far comprendere l’importanza di vaccinarsi. Il tema non può essere affrontato in modo semplicistico ed ideologico, è per questo che siamo determinati ad evitare la discriminazione di persone non vaccinate per volontà o impedimento medico. Il green pass non può e non deve essere l’unica soluzione per avere accesso alle proprie libertà costituzionali.

Il documento vaccinale - concludono - così come ideato attualmente dal governo, tenendo presente dell’attuale situazione ospedaliera, sembra avere tutto l’aspetto di un ricatto a cui non possiamo prestarci"-