Via Aurelia approvato l’allargamento dei confini urbani di Chiavari

La Giunta comunale di Chiavari ha approvato la delibera per l'acquisizione del nuovo tratto stradale della via Aurelia. Verranno allargati i confini urbani della città.

Via Aurelia approvato l’allargamento dei confini urbani di Chiavari
18 Ottobre 2017 ore 14:31

A stabilirlo la Giunta comunale, con una nuova delibera.

Via Aurelia approvata la delibera della Giunta comunale

E’ stata approvata dalla giunta comunale di Chiavari, la delibera sulla nuova delimitazione del centro abitato. I confini urbani chiavaresi si estenderanno fino alle ultime villette costruite sulla via Aurelia, dal tratto stradale, che inizia con il bivio che porta al sito dell’ex cava di Bacezza. Il tratto in precedenza era di competenza di Anas.

Via Aurelia, entro 15 giorni il via libera all’operazione

La delibera rimarrà pubblicata nell’albo pretorio del comune di Chiavari, per trenta giorni. Scaduti i termini della delibera, entro circa due settimane, in caso di via libera all’operazione, Palazzo Bianco potrà realizzare le diverse migliorie previste per la sicurezza stradale. Il provvedimento di estensione del confine è dovuto all’incremento delle costruzioni delle abitazioni nel tratto stradale della via ed al recupero di quelle già esistenti.

Oltre all’ultimo tratto della via Aurelia, previsti prossimamente interventi in via Prandina

Tra le migliorie stradali previste nella zona dall’amministrazione comunale, l’installazione di un semaforo “intelligente”. Il semaforo diventerà rosso quando i veicoli supereranno i limiti di velocità e sarà utilizzabile a chiamata per i pedoni. Sempre nel tratto prevista la realizzazione di un marciapiede. Sempre in tema di sicurezza stradale previsti interventi anche in via Prandina. Intenzione dell’amministrazione è realizzare una rotatoria, dopo la scuola Solari all’inizio della via Aurelia. La nuova rotonda collegherà via Prandina con corso Genova e la via Aurelia.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità