La ricetta della barbajada, pura tradizione milanese

Bevanda tipica milanese, ideale per riscaldare i freddi pomeriggi d’inverno

La ricetta della barbajada, pura tradizione milanese
09 Febbraio 2018 ore 11:54

Qual è la ricetta della barbajada? Stiamo parlando di una bevanda tipicamente milanese, nata nella prima metà dell’800 e usata per accompagnare la degustazione dei dolci. Oggi questa “cioccolata” è entrata di diritto fra le tradizioni invernali. Perché non c’è niente di meglio che scaldarsi con la barbajada nei freddi pomeriggio d’inverno.

La ricetta della barbajada

Ecco gli ingredienti per 4 porzioni. Servono: 4 cucchiai di cacao amaro, 3 cucchiai di zucchero, mezzo Iitro di latte freddo e 4 dl di caffè appena fatto. Spazio poi al procedimento. Mettete in un pentolino il cacao, passato al colino, e lo zucchero. Fate sciogliere il tutto, aggiungendo, a poco a poco, prima 1 dl di acqua fredda, quindi il latte e infine il caffè. Mettete a cuocere a fuoco moderato e sbattete con una frusta finché si formerà in superficie un’abbondante schiuma. Versate la barbajada in tazze e servitela molto calda.

Gli anni trenta a Milano

Questa particolare cioccolata a base di latte, caffè e cacao era molto diffusa a Milano negli anni trenta fra le signore che si soffermavano a chiacchierare nelle pasticcerie alla moda del centro città. Sembra sia stata inventata da un certo Barbaja; la ricetta più accreditata è quella sopra indicata, ma quella autentica resta un segreto. Qualcuno sostiene che l’originale fosse fatta con tuorlo d’uovo sbattuto con zucchero cui si aggiungeva cacao e latte bollente, frullando alla fine il tutto.

Dai una mano a
Da settimane, i giornalisti del tuo quotidiano online lavorano, senza sosta e con grande difficoltà, per garantirti un'informazione precisa e puntuale dal tuo territorio, sull’emergenza Coronavirus. Tutto questo avviene gratuitamente.
Adesso, abbiamo bisogno del tuo sostegno. Con un piccolo contributo volontario, puoi aiutare le redazioni impegnate a fornirti un'informazione di qualità. Grazie.

Scegli il tuo contributo: