Scuola
Cogorno

Il Villaggio del Ragazzo di San Salvatore vince col progetto "Re-Agire"

Bando di Regione Liguria per l’inclusione socio lavorativa

Il Villaggio del Ragazzo di San Salvatore vince col progetto "Re-Agire"
Scuola Valli ed entroterra, 27 Febbraio 2021 ore 11:24

Tra i vincitori del bando Abilità al plurale 2, promosso da Regione Liguria con l’Assessorato alle Politiche Sociali-Terzo Settore e finalizzato alla realizzazione di interventi per l’inserimento socio lavorativo di soggetti a rischio di emarginazione, il progetto “Re-Agire” presentato dal Villaggio del Ragazzo si è classificato nelle primissime posizioni della graduatoria. L’iniziativa vuole coniugare la domanda di lavoro con una sempre più emergente necessità di recupero e valorizzazione di terreni e aree incolte, in un quadro di interventi che promuovano lo sviluppo sostenibile. Alla presa in carico di soggetti svantaggiati è quindi associato lo sviluppo di un’attività imprenditoriale in ambito agricolo, obiettivo finale del progetto.

Le azioni previste comprendono un percorso iniziale di orientamento personalizzato, passando per la formazione sino al vero e proprio inserimento con tirocini, percorsi integrati di inclusione sociale, accompagnamento al lavoro e bonus assunzionali. Partecipano in partnership Ente Forma, Golfo del Tigullio Cooperativa Sociale arl, Il Sentiero di Arianna Società Cooperativa Sociale arl Onlus. Coinvolti, inoltre, il Distretto Socio Sanitario n° 14 “Tigullio occidentale”, il Distretto Socio Sanitario n° 15 “Chiavarese”, il Distretto Socio Sanitario n° 16 e l’Asl 4.

Giustamente soddisfatto il direttore dell’Area Educazione Formazione Lavoro del Villaggio del Ragazzo, Nicola Visconti: «Questo bando promosso dalla Regione Liguria ci ha permesso di presentare, insieme a realtà pubbliche e del privato sociale del territorio del Tigullio, un progetto che cercherà, in questo momento così difficile per la popolazione, di sostenere nell’inserimento lavorativo soprattutto coloro che per le loro fragilità rischiano l’isolamento e l’emarginazione sociale».