Sport
sport

Dalla Virtus Entella alla serie A: otto ragazzi del settore giovanile approdano al grande calcio

I giovanissimi atleti giocheranno in Genoa, Sampdoria, Inter, Torino, Sassuolo, Empoli e Juventus

Dalla Virtus Entella alla serie A: otto ragazzi del settore giovanile approdano al grande calcio
Sport Chiavari - Lavagna, 08 Settembre 2021 ore 14:35

Otto ragazzi del settore giovanile della Virtus Entella approdano a Club di serie A: una grande soddisfazione per la squadra chiavarese.

Pallavicini e Supljia a Juventus e Sassuolo

"Da sempre - spiegano i dirigenti - il settore giovanile dell’Entella, fiore all’occhiello della società, ha saputo lanciare talenti nel calcio dei grandi, e anche quest’anno, saranno otto i giovani biancocelesti che dalla prossima stagione si metteranno in gioco in realtà storiche e ambiziose.

Salendo di categoria, avrà una chance importante anche Gabriele (Gabbo) Costa. il centrocampista, punto fermo dell’Under 17 di Mister Bonvini, approda al Genoa. Sempre Genova, ma sponda Sampdoria, sarà la destinazione di Ernesto Matteazzi. Centrale di prospettiva e di sicuro affidamento, Ernesto andrà a rinforzare la formazione Under 18 blucerchiata.

Palade e Villa al Torino ed Empoli

Passando al fronte offensivo, invece, sono due i movimenti significativi della cantera biancoceleste: David Palade, infatti, è stato ceduto al Torino, mentre Davide Villa, bomber della Primavera biancoceleste, dopo aver trascinato a suon di gol la sua squadra a un passo dai play off, andrà a giocarsi le sue carte all’Empoli.

Inter e Torino per Müller e Reali

"Erano Müller e Reali, tuttavia, i gioiellini più ambiti del mercato biancoceleste in uscita. I due ragazzi, entrambi classe 2003, erano reduci da una stagione formidabile in Primavera, culminata con il debutto in serie B. Il play di origini brasiliane è stato ceduto all’Inter, mentre il difensore centrale è passato al Torino. Una tappa importante nel loro percorso di crescita con l’obiettivo di affermarsi e di scrivere nuove pagine importanti della propria storia personale. L’Entella, orgogliosa dei suoi ragazzi, li osserva con attenzione, con la speranza che ciascun calciatore porti con se un pò di quei valori, di quella disciplina e di quel modo di fare calcio che caratterizza la società di Chiavari".