Menu
Cerca
tennis

Giannessi sfiora l'impresa, ma quanta Liguria al Roland Garros!

Il tennista levantino cede al quinto set contro l'ex numero 4 al mondo Nishikori

Giannessi sfiora l'impresa, ma quanta Liguria al Roland Garros!
Sport Chiavari - Lavagna, 30 Maggio 2021 ore 19:45

Sfuma l'occasione per il tennista spezzino Alessandro Giannessi al trofeo Roland Garros: dopo quattro ore e tre minuti di estenuante battaglia, Giannessi ha perso l'ultimo set con il punteggio di 6-4 contro il tennista nipponico Kei Nishikori.

Uno dei quattro del "Grande Slam"

Il Roland Garros è uno dei quattro tornei del "Grande Slam" di tennis, insieme a Wimbledon, gli Australian Open e gli US Open: è l'unico che si gioca su terra battuta. Il montepremi è da capogiro: 34 milioni di euro in totale, con un premio per il vincitore e la vincitrice di un milione e 400mila euro. Cifre da capogiro, che rendono l'idea dell'importanza e dell'attesa che accompagnano questo torneo, su cui sono puntati gli occhi di tutto il mondo. Giannessi, nato a La Spezia nel 1990, è uno dei tre tennisti liguri che si sono presentati al via nel tabellone principale, insieme a Fabio Fognini, che ha vinto oggi contro il francese Gregoire Barrere, e Gianluca Mager, di Sanremo, che se la vedrà domani con l'australiano John Millman. Giannessi aveva fatto sperare tutti i tifosi di tennis italiani in una clamorosa vittoria. Dopo aver perso per 6 a 4 il primo set, si è aggiudicato il secondo set per 7 a 6. Vittoria schiacciante del giapponese nel terzo set, con un punteggio di 6 a 3, ma Giannessi si è imposto nel quarto set con il punteggio di 6 a 4 portando il campione Nishikori a un quinto set che aveva già il sapore dell'impresa storica per il tennista italiano, che vede da lontano la Top50 dei tennisti mondiali.

Quinto set da cardiopalma

Il tennista italiano, 160esimo nel ranking internazionale, aveva già stupito con la qualificazione al primo turno dei Roland Garros, che gli è valsa un premio di qualificazione da 10mila euro: la qualificazione al secondo turno, oltre a un ragguardevole premio economico di 16mila euro, avrebbe significato per l'atleta spezzino un inatteso exploit nel panorama tennistico internazionale. Ma al quinto set, a Giannessi, che comandava 4 a 2, a un passo dal compiere l'impresa dopo il tie break, è mancato quel pizzico di grinta e malizia in più che lo avrebbero portato senza troppa difficoltà ad imporsi sul giapponese, non nella sua forma più smagliante ma pur sempre uno dei 50 tennisti più forti al mondo. Decisivo forse anche l'intervento del fisioterapista richiesto da Nishikori, utile più per interrompere il ritmo dell'italiano che ai muscoli del tennista giapponese.

Rimpianto e soddisfazione

Giannessi si porta a casa comunque, oltre al premio per la qualificazione al primo turno, l'onore di aver tentato e sfiorato l'impresa all'età di 30 anni, con un palmares alle spalle di gran lunga inferiore a quello dello sfidante: resta la delusione di non aver messo in bacheca un'altra vittoria allo Slam, dopo quella agli Us Open 2016. Ma per lo sport italiano e quello ligure in particolare, resta comunque l'emozione di una giornata da non dimenticare.