Eventi
L'INIZIATIVA

A Rapallo la mostra sul Beato Carlo Acutis

Dal 5 al 18 luglio, dalle 9 alle 12 e dalle 16 alle 19, presso l’Oratorio dei Bianchi

A Rapallo la mostra sul Beato Carlo Acutis
Eventi Rapallo - Santa Margherita, 05 Luglio 2021 ore 09:13

Da oggi, 5 luglio, sino al 18 luglio, dalle 9 alle 12 e dalle 16 alle 19, presso l’Oratorio dei Bianchi di Rapallo, sarà visitabile la mostra sul Beato Carlo Acutis.

La mostra

La mostra è composta da 25 pannelli rappresentanti la vita straordinaria di Carlo ed offre anche contenuti multimediali scaricabili mediante QR code.

Realizzata dalla fondazione Oasi in stretta collaborazione con la mamma del beato Carlo, è organizzata dalla Parrocchia dei Santi Gervasio e Protasio e dal Servizio Diocesano di Pastorale Giovanile.

Durante la mostra si potrà anche venerare una reliquia del beato Acutis.

Chi era Carlo Acutis

Figlio primogenito di Andrea Acutis e Antonia Salzano, Carlo nacque a Londra, dove i genitori si trovavano per motivi di lavoro del padre, il 3 maggio 1991. Trascorse l’infanzia a Milano, circondato dall’affetto dei suoi cari e imparando da subito ad amare il Signore, tanto da essere ammesso alla Prima Comunione ad appena sette anni. Frequentatore assiduo della parrocchia di Santa Maria Segreta a Milano, allievo delle Suore Marcelline alle elementari e alle medie, poi dei padri Gesuiti al liceo, s’impegnò a vivere l’amicizia con Gesù e l’amore filiale alla Vergine Maria, ma fu anche attento ai problemi delle persone che gli stavano accanto, anche usando da esperto, seppur autodidatta, le nuove tecnologie.

Colpito da una forma di leucemia fulminante, la visse come prova da offrire per il Papa e per la Chiesa. Morì il 12 ottobre 2006, nell’ospedale San Gerardo di Monza, a 15 anni compiuti.

Il 5 luglio 2018 papa Francesco ha autorizzato la promulgazione del decreto che dichiarava Venerabile Carlo, i cui resti mortali riposano dal 6 aprile 2019 ad Assisi, nella chiesa di Santa Maria Maggiore – Santuario della Spogliazione. Nel medesimo anno il Pontefice ha citato Carlo nell'Esortazione apostolica post-sinodale "Christus vivit". Il 21 febbraio 2020, ha autorizzato la promulgazione del decreto relativo a un miracolo attribuito all’intercessione di Carlo, che è stato solennemente beatificato ad Assisi il 10 ottobre seguente.