Politica
Botta e risposta

Chiavari, Messuti replica a Garibaldi: «Ancora una volta mistifica la realtà dei fatti»

Le dichiarazioni del primo cittadino

Chiavari, Messuti replica a Garibaldi: «Ancora una volta mistifica la realtà dei fatti»
Politica Chiavari - Lavagna, 03 Ottobre 2022 ore 18:02

A Chiavari il sindaco Federico Messuti risponde all’intervento di recente fatto dal consigliere comunale di minoranza Silvia Garibaldi.

Le dichiarazioni del sindaco di Chiavari

«Ancora una volta la consigliera di minoranza Silvia Garibaldi mistifica la realtà dei fatti - dichiara Messuti -. Seduta ai banchi dell’opposizione in questi cinque anni ha affermato più volte che in via Trieste sarebbero sorti nuovi palazzi. Niente di più falso, lo dimostra il progetto presentato per la riqualificazione dell’area con verde e parcheggi. Ha gridato all’illegalità per il caso Ferden, sostenendo che il cambio d’uso non era lecito: il Tar ha deciso che tutto era regolare. Oggi grida nuovamente allo scandalo, sostenendo che nel progetto di riqualificazione dell’ex autorimessa Rissauto saranno previste nuove cementificazioni, ma ancora una volta mente o ignora i fatti. Il progetto prevede la costruzione di meno metri cubi di quelli attualmente esistenti. Stessa cosa per corso Buenos Aires: l’intervento è previsto dal PUC e la nostra amministrazione ha eliminato la costruzione di un maggiore volume (previsto da Levaggi) e ha richiesto la realizzazione di 53 posteggi pubblici gratuiti. Ora la consigliera Garibaldi afferma che verranno spesi 70.000 euro per il nuovo sistema telematico per potenziare la partecipazione al consiglio comunale, anche questa volta mistifica perché si tratta di uno stanziamento Statale e l’intervento avrà un costo nettamente inferiore rispetto a quello affermato e servirà per avere una nuova aula moderna e multimediale e non per trasmettere il solo consiglio comunale. Afferma falsamente che non puliamo il Rupinaro: a giugno 2022 è stato completamente rimosso il materiale litoide e il letto è stato ripulito della vegetazione. La pulizia viene fatta una volta l’anno al termine della stagione invernale e l’alveo è perfetto e attualmente esiste solo un po’ d’erba che non incide sul deflusso delle acque. Per l’Entella sono stati puliti i corrivi, cosa mai fatta fino ad oggi. Unitamente con il Comune di Lavagna è in corso la rimozione delle piante cresciute intorno al ponte della Maddalena. Anche in questo caso la consigliera dovrebbe sapere che in alveo si può andare solo da settembre essendo in zona SIC. La consigliera, sempre in prima linea contro nuove e inesistenti cementificazioni, però ha dimenticato i nuovi palazzi (previsti dall’amministrazione Levaggi) che stanno sorgendo alle Clarisse alla base del parco verde tutelato e che riducono anche la vista dello splendido uliveto da piazza Roma. Questa dimenticanza è forse dovuta al fatto che l’intervento è realizzato da chi l’ha sostenuta nella poco fortunata avventura politica con Calenda? Riteniamo che la credibilità politica e la coerenza della consigliera Silvia Garibaldi non sia il suo forte visto che in cinque anni ha cambiato cinque compagini politiche, senza neanche tanta fortuna perché il giro di valzer l’ha sempre portata dalla parte perdente. Chissà cosa cambierà prossimamente».

Seguici sui nostri canali